Forum del Linguist.Letterario-VIII ciclo
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Letture occasionali in prosa

3 partecipanti

Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty Letture occasionali in prosa

Messaggio  Keymaster Mar Apr 08, 2008 2:11 am

Arrow Aperto da Comparsita il 22 febbraio 2008

Keymaster
Admin
Admin

Numero di messaggi : 61
Data d'iscrizione : 05.04.08

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty Re: Letture occasionali in prosa

Messaggio  BigLebowski Mer Giu 25, 2008 7:56 pm

“[...] Chi dice che il giovane non ha ancora l’età per far filosofia, e che il vecchio l’ha ormai passata, è come se dicesse che non è ancora giunta, o è già passata, I’età per essere felici. Quindi sia l’uomo giovane che il vecchio devono far filosofia: il vecchio perché invecchiando rimanga giovane per i bei ricordi del passato; il giovane perché, pur restando giovane d’età, sia maturo per affrontare con coraggio l’avvenire. E’ bene riflettere sulle cose che possono farci felici: infatti, se siamo felici abbiamo tutto ciò che occorre; se non lo siamo, facciamo di tutto per esserlo. [...]“
Epicuro. Lettera a Meceneo

Non la leggevo da anni. E' stato emozionante ritrovare i vecchi ricordi che avevano accompagnato la prima lettura e le glosse a margine scritte a penna. Leggerla di nuovo però trasmette altri pensieri e stimola altre considerazioni.

Mi sono tornate in mente le parole di Calvino: "La gioventù comunica alla lettura come a ogni altra esperienza un particolare sapore e una particolare importanza; mentre in maturità si apprezzano (si dovrebbe apprezzare) molti dettagli e livelli e significati in più".
Italo Calvino. Perchè leggere i classici.
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty quanto ci manca Sciascia...

Messaggio  BigLebowski Mer Lug 02, 2008 8:02 pm

- "Non esce mai di casa?"
- "Mai, da parecchi anni... Ad un certo punto della mia vita ho fatto dei calcoli precisi: che se io esco di casa per trovare la compagnia di una persona intelligente, di una persona onesta, mi trovo ad affrontare, in media, il rischio di incontrare dodici ladri e sette imbecilli che stanno lì, pronti a comunicarmi le loro opinioni sull'umanità, sul governo, sull'amministrazione municipale, su Moravia... Le pare che valga la pena?"
- "No, effettivamente no"
- "E poi in casa ci sto benissimo: e specialmente qui dentro" levando le mani ad indicare ed accogliere tutti i libri d'intorno".
- "Bella biblioteca" disse Laurana.
- "Non è che non mi capiti, anche qui dentro, di imbattermi nei ladri, negli imbecilli... Parlo di scrittori, beninteso, non di personaggi... Ma me ne libero facilmente: li restituisco al libraio o li regalo al primo cretino che viene a farmi visita".
- "Anche stando in casa, dunque, lei non riesce ad evitare del tutto i cretini".
- "Non ci riesco... Ma qui dentro è diverso: mi sento più sicuro, più distante... Qualcosa di simile al teatro: e persino mi ci diverto... Posso anche dirle che, da qui, mi pare teatro tutto quello che accade nel paese: matrimoni, funerali, liti, partenze, arrivi... Perchè so tutto, sento tutto; e ogni cosa mi arriva anzi moltiplicata, rimbombante di echi...".

Leonardo Sciascia - A ciascuno il suo
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty la migliore scapigliatura milanese

Messaggio  BigLebowski Lun Lug 07, 2008 8:52 pm

" Vi sono quelli che vivono a sè, che si creano dei mondi per sè soli, che sorvolano su tutto e si posano su nulla: sono i fanciulli adulti, gli uomini con ali di farfalla, sono coloro che gioiscono e ridono.
Ve ne sono altri che un'avidità irresistibile di sapere spinge ad indagare ogni vero, che vedono tutto, che esaminano tutto, che discendono nelle più ascose profondità di ogni piaga, e sono coloro che soffrono e piangono".

Ugo Tarchetti - Storia di un ideale
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty meglio farsi sentire

Messaggio  BigLebowski Mar Lug 08, 2008 11:22 am

- "Ma cosa devo scrivere al Capitano?" esclamò Eduard "Perchè lo devo fare subito".
- "Una lettera pacata, ragionevole, consolatrice" disse Charlotte.
- "Il che equivale a non scrivere" replicò Eduard.
- " E tuttavia, in certi casi" riprese Charlotte " è necessario e affettuoso scrivere di nulla piuttosto che non scrivere nulla".

Goethe - Le affinità elettive.
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty diritti

Messaggio  BigLebowski Mer Lug 09, 2008 12:00 pm

"...Ma siccome siamo tutti portati a dimenticarci facilmente che qualunque persona in questo mondo ha il diritto
di vivere come crede e dove le pare senza dover avere paura di nessuno, ho voluto riaffermare questo diritto
con tutte le mie forze, qui e adesso, in questo libro"

Banana Yoshimoto
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty elogio dell'utopia

Messaggio  BigLebowski Mer Lug 09, 2008 12:08 pm

"Illusioni! Ma intanto senza di esse io non sentirei la vita che nel dolore,
o - che mi spaventa ancora di più - nella rigida e noiosa indolenza: e
se questo cuore non vorrà più sentire, io me lo strapperò dal petto con
le mie mani, e lo caccerò come un servo infedele".

U. Foscolo - Ultime lettere di Jacopo Ortis
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty indolenza

Messaggio  BigLebowski Ven Lug 11, 2008 7:28 pm

"Io sono un figlio del mio tempo, anzi, mi riesce difficile
non definirmi addirittura suo nemico.
Non che io non lo capisca, come tante volte sostengo.
Questa è solo una scusa di comodo. Per indolenza, semplicemente,
non voglio essere aggressivo o astioso, e perciò dico che
una cosa non la capisco quando dovrei dire che la odio
o la disprezzo. Ho l'orecchio fine, ma faccio il sordo.
Mi pare più elegante fingere un difetto che ammettere
di aver sentito rumori volgari."

Joseph Roth - La cripta dei cappuccini.
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty La sconvolgente sincerità della cattiveria...

Messaggio  Fily Mar Lug 22, 2008 7:38 pm

(Che a volte è meglio dell'ipocrisia col finto sorriso stampato sulle labbra... almeno puoi stare in guardia e difendere te stesso...)

"...Ogni incontro di due esseri al mondo è uno sbranarsi. Vieni con me, io ho la conoscenza di questo male e sarai più sicura che con chiunque altro; perchè io faccio del male come tutti lo fanno; ma, a differenza degli altri, io ho la mano sicura."

Italo Calvino, Il visconte dimezzato
Fily
Fily
Assiduo frequentatore
Assiduo frequentatore

Numero di messaggi : 155
Età : 43
Località : Instabile
Umore : Sereno-variabile
Data d'iscrizione : 02.04.08

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty la versione siciliana

Messaggio  BigLebowski Lun Ago 11, 2008 8:12 pm

BigLebowski ha scritto:" Vi sono quelli che vivono a sè, che si creano dei mondi per sè soli, che sorvolano su tutto e si posano su nulla: sono i fanciulli adulti, gli uomini con ali di farfalla, sono coloro che gioiscono e ridono.
Ve ne sono altri che un'avidità irresistibile di sapere spinge ad indagare ogni vero, che vedono tutto, che esaminano tutto, che discendono nelle più ascose profondità di ogni piaga, e sono coloro che soffrono e piangono".

Ugo Tarchetti - Storia di un ideale

La lettura di alcuni versi di Mario Rapisardi mi hanno fatto ripensare alla citazione di Tarchetti.
Sembrano la loro eco (più tarda solo di qualche anno), secondo l'ironia e l'amarezza tipica del siciliano.

Tu non canusci la to manu ritta
Cunfunni cazzi, cucuzzeddi e ova;
e grassu e tunnu, comu n porcu addritta,
mangi, arrunfi, ti sciali e chianti chiova.
Ma iu, di chi nasciì, appi la sditta,
lu vecchiu cori miu, paci non trova,
e notti e jornu, cu me figghiu Titta,
vaju ciancennu la me malanova.


Scherzi – Mario Rapisardi, Febbraio 1889
BigLebowski
BigLebowski
Moderatore VIP
Moderatore VIP

Numero di messaggi : 207
Località : Nomade
Umore : molti alti e pochi bassi
Data d'iscrizione : 26.03.08

http://www.beppegrillo.it

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty ...mi fa impazzire 'sto pezzo!!!

Messaggio  Fily Lun Gen 05, 2009 12:53 am

"...Cominciavano i duelli, ma già il suolo essendo ingombro di carcasse e cadaveri, ci si muoveva a fatica, e dove non potevano arrivarsi, si sfogavano a insulti. Lì era decisivo il grado dell'insulto, perchè a seconda se era offesa mortale, sanguinosa, insostenibile, media o leggera, si esigevano diverse riparazioni o anche odi implacabili che venivano tramandati ai discendendi. Quindi l'importante era capirsi, cosa non facile tra mori e cristiani e con le varie lingue more e critiane in mezzo a loro, se ti arrvava un insulto indecifrabile, che potevi farci? Ti toccava tenertelo e magari ci restavi disonorato per la vita. Quindi a questa fase del combattimento partecipavano gli interpreti, truppa rapida, d'armamento leggero, montata su certi cavallucci, che giravano intorno, coglievano a volo gli insulti e li traducevano di botto nella lingua del destinatario."

I. Calvino, Il cavaliere inesistente
Fily
Fily
Assiduo frequentatore
Assiduo frequentatore

Numero di messaggi : 155
Età : 43
Località : Instabile
Umore : Sereno-variabile
Data d'iscrizione : 02.04.08

Torna in alto Andare in basso

Letture occasionali in prosa Empty Re: Letture occasionali in prosa

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.